A proposito di Marwan Barghouti
e dei “terroristi giornalisti”