Afrin, il ramoscello d’ulivo
che gronda di sangue