“Arbeit macht frei”
Così è stato “accolto”
il Maccabi a Istanbul