Auschwitz, la banalità del male