Chiune Sugihara, lo “Schindler” giapponese che salvò 6000 ebrei