Corte di Giustizia europea
La vergognosa sentenza
sulle etichette “made in Israele”