Dan Segre, l’elogio della neutralità