Di “sabato in sabato”
contro l’antisemitismo