Dieci domande/ Stefano Jesurum
L’esaltante “problema”
di essere un ebreo di sinistra