Fuori Mussolini, dentro la Segre