Hamas, la “colpa” di essere gay