Herling, la “kultura” della libertà