I profeti di sventura
e la “dignità palestinese”