I rituali degli “sconfitti”