A Carlo Croce
il “Dan David Prize”