Il “genio”, il cornetto e Israele