Il j’accuse di Netanyahu
La vile spudoratezza di Corbyn