Il killer aveva scritto ad un amico
che avrebbe compiuto una strage