Il “libro canaglia”