Il ministro della (D)Istruzione
“Al posto del crocifisso
meglio una cartina geografica”