Il piacere di Fico? Stringere la mano
all’ambasciatrice del terrorismo