Il presidente burattino
nelle mani di Hezbollah