Il Salone di Torino
e le pagine sporche di sangue