Il sogno “proibito”
dei mondiali in Russia