Israele, l’imperfezione
del numero primo