La marcia invisibile
per curare i bambini
dei “Buoni vicini”