La “nakba” mediatica antisionista
che ha sconvolto l’Europa