La “scomunica” di Gerusalemme