La startup bocciata in Italia
trova successo e soldi in Israele