L’alibi della libertà religiosa
contro l’orrore
delle mutilazioni genitali femminili