L’autocandidatura di Barak
“Io meglio di Netanyahu”