Le “due scarpe” di Pence