L’Isis sul web, Roma nel mirino