L‘ultima vergognosa bravata
del Consiglio per i diritti umani