Meglio “turisti fai da te”
La distorta narrazione
delle guide palestinesi