Onu, la vergogna della black list