Ottanta anni dopo, la leggenda Weisz