Perché la Memoria non sia un rituale