Perché vale la pena studiare
anche una sola pagina del Talmud