Podestà e segretario del fascio
non denunciarono
le famiglie ebree di Taino