Premier e ministro della difesa
non basteranno più
per dichiarare da soli la guerra