Quando l’antisemitismo
è nascosto sotto il tappeto