Quando un medico israeliano
salvò la vita ad Abu Mazen