Quella maggioranza silenziosa
che festeggia in Iraq
l’esecuzione di Qassem Soleimani