Quell’eterna diffidenza
della sinistra per gli ebrei