Ricacciarono la Segre
nelle mani degli aguzzini
La Svizzera ora chiede scusa