Rigurciti di fascismo
mascherati dal sorriso