Roma, pietre d’inciampo
per i Di Segni e Moscato