Sempre nel politicamente corretto
c’è uno più nero che ti fa nero