“Sono tutti rifugiati…”
Krahenbuhl a difesa dell’Unrwa